L'abete donato da Monteco a Villa Convento trova "casa" in piazza Leoncavallo

giovedì 21 gennaio 2016
L'albero, donato a Natale dall'azienda come premio per le ottime performance nella raccolta differenziata, avrà il nome del primo nato del 2016. 


Come molti ricorderanno, il Natale appena trascorso ha portato in dono alla frazione di Villa Convento, da parte dell’azienda Monteco Srl, un abete alto ben 5 metri come premio per essere stata la frazione più virtuosa e collaborativa in termini di raccolta differenziata.

Questa comunità, attraverso piccoli accorgimenti e con un atteggiamento da subito predisposto al nuovo metodo di raccolta porta a porta è riuscita a raggiungere come singola frazione ben il 66% circa della raccolta differenziata, dato che ovviamente varia nel momento in cui lo si rapporta all’intero capoluogo, ma resta comunque degno di nota.

L’abete donato, che venne posizionato in via Pavarotti, verrà sradicato e piantumato in piazza Leoncavallo domani 22 gennaio alle ore 14 e riceverà il nome del primo nascituro del 2016, continuando ad essere motivo di orgoglio per un comportamento civile che guarda al futuro rispettando l’ambiente.

Monteco con la sua scelta di donare un abete che trascorso il periodo natalizio potesse poi restare definitivamente alla comunità di Villa Convento, ha voluto essere promotore di un comportamento di riuso: l’abete dopo esser stato addobbato come “l’albero di Natale” della comunità potrà ora essere un grande albero che continuerà a dare benefici all’aria che respirano i residenti.   

Altri articoli di "Luoghi"
Luoghi
05/12/2016
Il giornalista Duilio Giammaria è il testimonial di ...
Luoghi
04/12/2016
Una casa-museo, un luogo di "pace e rilassamento psichico". L'eremo ...
Luoghi
01/12/2016
Questa rubrica nasce con l'idea di raccogliere e dare spazio alle vostre immagini. Le ...
Luoghi
29/11/2016
Proseguiranno fino a primavera i lavori di restauro e recupero dell'area archeogica di ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...