Veleno nelle aiuole di piazza Ariosto, è allarme per bambini e animali

martedì 19 gennaio 2016
Diversi casi di avvelenamento di cani si sono registrati negli ultimi giorni. Le sostanze tossiche sono pericolose anche per l'uomo. 

Veleno per topi nelle aiuole di piazza Ariosto a Lecce. È allarme tra i possessori di cani della zona che utilizzano il piccolo spazio verde per le passeggiate dei loro amici a quattro zampe. Ma non solo: la piazzetta è molto frequentata anche da bambini che accidentalmente potrebbero venire a contatto con le pericolose sostanze.

Nei giorni scorsi una cagnolina si è intossicata ed è stata salvata solo per il pronto intervento del proprietario che ha compreso la gravità della situazione.

Ma non è il primo caso: altri cani hanno rischiato di morire a causa del potente veleno che conduce l'animale – topi ma anche cani e gatti – ad una lenta e dolorosa morte.

Questa mattina l’assessore Andrea Guido, delegato alle Politiche Ambientali, dopo aver ricevuto la prima segnalazione, ha provveduto a ispezionare l’intera area e a bonificarla con l’ausilio gratuito degli operatori della ditta leccese specializzata Delco di Vincenzo Cocci.

“Le esche avvelenate causano ogni anno la morte di migliaia di animali selvatici e domestici. Questo è risaputo – dichiara Andrea Guido – Ma forse non tutti hanno ben presente che avvelenare un animale è un reato e che si rischiano pene fino a 18 mesi di reclusione e 15mila euro di multa. Inoltre l’episodio a cui ci riferiamo oggi è ancora più grave perché si tratta di una zona centralissima della città, frequentata anche da bambini. Cosa succederebbe se un bambino inavvertitamente venisse in contatto con il topicida? Dobbiamo comprendere, quindi, che il pericolo non è solo per i nostri amici a 4 zampe ma anche e, soprattutto, per i nostri figli. Queste esche sono colorate, sembrano la classica plastilina per i bambini e hanno un odore dolciastro e profumatissimo. Si può immaginare bene, quindi, quanto è scellerato e irresponsabile un simile gesto. Chiedo a tutti i cittadini di aiutarci a individuare questo malintenzionato seriale e di riferire ogni utile informazione agli uffici del mio assessorato anche con una semplice telefonata al nostro front office telefonico (0832 682 583) o di sporgere formale denuncia ai Vigili Urbani o qualsiasi altra forza dell’ordine. Senza una formale denuncia di qualche testimone potrebbe risultare difficile un avvio delle indagini”.

 

Altri articoli di "Animali"
Animali
30/09/2016
Ecco il video della liberazione del fenicottero rosa, recuperato lo scorso 8 settembre ad ...
Animali
28/09/2016
Spettacolo a Torre Colimena: nella salina decine di fenicotteri rosa. Gradito ritorno ...
Animali
27/09/2016
L’operazione condotta dal nucleo di polizia ...
Animali
24/09/2016
L’animale era stato recuperato lo scorso 8 settembre ad Otranto. Sarà ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...