Rilasciati i cercatori di tartufi salentini arrestati nel brindisino: niente fermo cautelare

domenica 17 gennaio 2016
Niente domiciliari per i tartufai salentini fermati venerdì a Oria: sussite comunque l'accusa di furto aggravato in concorso. 

Non esiste l'esigenza della custodia cautelare per Giuseppe Lolli, 56 anni, e Stefano Donno, 30 anni, i cercatori di tartufi di Corigliano d'Otranto, arrestati venerdì scorso a Francavilla, con l'accusa di aver tentato di rubare i preziosi funghi ipogei da un terreno privato di un'azienda di Francavilla Fontana, in territorio di Oria. Così ha stabilito il giudice, pur confermando il fermo per i due.

Lolli, cercatore di tartufi di lungo corso, si professa innocente, dichiarando di essere in regola con le autorizzazioni necessarie e di aver agito rispettando le norme previste per l'esercizio di quest'attività.

Al processo, Lolli e Donno, che sono destinatari anche della diffida a entrare in territorio oritano, si dovranno difendere dall'accusa di furto aggravato in concorso.
Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
20/04/2018
Papa Francesco ha incontrato la comunità di fedeli ...
Cronaca
20/04/2018
Incidente alle porte di Lecce, il bus Stp pieno di studenti si è scontrato con una ...
Cronaca
20/04/2018
L'episodio è accaduto ieri sera a Gagliano del Capo ...
Cronaca
20/04/2018
L'episodio nei giorni scorsi nelle campagne di proprietà di un 49enne che si ...
Il Direttore Scientifico Francesco Scorrano ha diretto il Congresso dove era presente il Luminare di Pneumologia ...