Donna morta nel tragico sbarco di Novaglie, si indaga per omicidio volontario

sabato 16 gennaio 2016

Aperto un fascicolo da parte del pubblico ministero che segue il caso a carico di ignoti, dopo il riconoscimento e identificazione della vittima da parte del marito.

È stato aperto un fascicolo per omicidio volontario a carico di ignoti nella vicenda della morte di Nasra, la donna 32enne di origine somala, rimasta vittima nel drammatico sbarco sulle scogliere tra Marina di San Gregorio e Felloniche, nella notte tra domenica e lunedì.

Dopo il riconoscimento e l’identificazione della donna da parte del marito presso la camera mortuaria del “Fazzi”, è arrivata un’importante evoluzione sul caso. Com’è noto, dalle testimonianze dei migranti tratti in salvo, sembrerebbe che gli scafisti abbiano gettato in mare alcune donne, tra cui la povera Nasra, che con ogni probabilità ha battuto violentemente la testa contro uno scoglio. Nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia sul corpo della donna. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/07/2016
Il racconto di Alessio, un 23enne salentino, che si trova a ...
Cronaca
23/07/2016
L’incidente nel primo pomeriggio ha coinvolto due ...
Cronaca
23/07/2016
Il procuratore della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta, ha ...
Cronaca
23/07/2016
Il pattugliatore d’altura che vede al comando il ...
Nella storica piazza della Taranta, quella davanti all’ex Convento degli Agostiniani, due serate con ...