Donna morta nel tragico sbarco di Novaglie, si indaga per omicidio volontario

sabato 16 gennaio 2016

Aperto un fascicolo da parte del pubblico ministero che segue il caso a carico di ignoti, dopo il riconoscimento e identificazione della vittima da parte del marito.

È stato aperto un fascicolo per omicidio volontario a carico di ignoti nella vicenda della morte di Nasra, la donna 32enne di origine somala, rimasta vittima nel drammatico sbarco sulle scogliere tra Marina di San Gregorio e Felloniche, nella notte tra domenica e lunedì.

Dopo il riconoscimento e l’identificazione della donna da parte del marito presso la camera mortuaria del “Fazzi”, è arrivata un’importante evoluzione sul caso. Com’è noto, dalle testimonianze dei migranti tratti in salvo, sembrerebbe che gli scafisti abbiano gettato in mare alcune donne, tra cui la povera Nasra, che con ogni probabilità ha battuto violentemente la testa contro uno scoglio. Nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia sul corpo della donna. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
20/02/2017
L'esponente dei Radicali Italiani Emilio Enzo Quinteri denuncia il problema comune a ...
Cronaca
20/02/2017
Carmelo Bortone stava viaggiando sulla strada per Santa ...
Cronaca
20/02/2017
Controlli della Guardia Costiera anche a Porto Cesareo e ...
Cronaca
20/02/2017
L'ingente quantitativo di droga era in viaggio verso Nord ...
In Puglia trend positivo per il turismo: presentate 326 richieste di finanziamento. Il bilancio di Bpp. Continua in ...