Striano: “Avetrana prima meritatamente, ma noi non molleremo la presa”

lunedì 11 gennaio 2016

Il Galatina è stato fermato, in casa, sull’1-1, dal Real San Giorgio, scivolando nuovamente al secondo posto.

Continua a singhiozzare il Galatina. I biancostellati sono stati fermati, in casa, sull’1-1, dal Real San Giorgio, scivolando nuovamente al secondo posto alle spalle dell’Avetrana. Maurizio Striano, fantasista della Pro Italia, riavvolge il nastro del match: “Siamo stati noi a dettare i ritmi della contesa per l’intero confronto, abbiamo anche sbloccato il risultato con D’Amico ma, purtroppo, siamo stati raggiunti sull’uno a uno sul finire del primo tempo, pagando a caro presso un’uscita imprecisa del nostro estremo difensore under, errore che purtroppo capita anche a portieri più esperti di lui”.

Galatina che ha provato nel corso della ripresa ad avere la meglio sulla formazione di Gidiuli, sbattendo però in diverse occasioni sul numero uno del San Giorgio, con il risultato che non è più cambiato. Un pareggio di cui a beneficiare è stata l’Avetrana, riportasi sola al comando: “I tarantini stanno disputando una grande stagione e meritano in questo momento di capeggiare la classifica – sottolinea Striano – . A noi le cose non stanno girando del tutto per il verso giusto, anche a causa di un pizzico di sfortuna. Due punti di ritardo dal vertice, comunque, non sono certo molti e mancano ancora tante giornate alla conclusione della stagione regolare. Pertanto, non abbiamo alcuna intenzione di mollare la presa”.

Fonte: Salentosport.net

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
26/09/2016
I giallorossi si sono affermati in trasferta per 2 a 0, a ...
Calcio
25/09/2016
Dopo il mezzo passo falso di domenica scorsa con la Casertana, il Lecce torna a ...
Calcio
23/09/2016
Il derby tra Lecce e Foggia del 31 ottobre prossimo, così come quello tra Taranto ...
Calcio
19/09/2016
Per la prima volta dall’inizio del campionato non ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...