Saldi invernali, nessun boom di acquisti nei primi giorni di sconti

giovedì 7 gennaio 2016

Secondo la rilevazione di Confcommercio Lecce, la causa potrebbe essere ricondotta al maltempo.

Saldi invernali sotto tono, almeno nei primi giorni di sconti. A dirlo la prima rilevazione di Confcommercio Lecce sui saldi invernali, condotta su un campione di circa 100 attività commerciali di Lecce e provincia, cui è stato chiesto di rispondere ad un questionario sull’andamento dei primi due giorni. I commercianti intervistati appartengono al settore abbigliamento, calzature, pelletteria, intimo e articoli sportivi.

La maggior parte degli intervistati ha riscontrato nel negozio una sostanziale stabilità del volume di vendite rispetto all’anno precedente; tuttavia più di qualche attività ha registrato un calo delle vendite (dal 5% al 20%), mentre sono piuttosto marginali i casi di incremento.

Lo scontrino medio dei primi due giorni di vendita in saldo è stato di 110 euro circa. Capospalla, maglieria, piumini, giacconi, camicie, jeans, scarpe e borse i prodotti più venduti.

Ad ogni modo non c’è stato nei primi due giorni il tanto atteso “boom”, ma ciò viene attribuito principalmente al maltempo che ha colpito buona parte della provincia nei giorni 5 e 6, oltre al fatto che la data di inizio dei saldi sia coincisa quest’anno con un martedì lavorativo.

La prossima rilevazione di Confcommercio Lecce riguarderà gli andamenti della prima settimana di vendite.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
17/01/2017
Le abitazioni storiche sono ricercate soprattuto da ...
Economia e lavoro
16/01/2017
Cia Puglia invia una lista di proposte a governo e regione ...
Economia e lavoro
15/01/2017
Anche questa domenica protestano gli operai delle ditte appaltatrici dell'opera ferma da ...
Economia e lavoro
15/01/2017
Quali sono i lavori più richiesti? Quando si entra ...
Dopo l’appello lanciato sul web, il Comune raccoglie e firma una delibera di giunta per sostenere ...