Ridimensionamento del “Sacro Cuore”, il commissario Aprea chiede di incontrare Emiliano

martedì 5 gennaio 2016

Verrà chiesta la conservazione della piena operatività del locale presidio ospedaliero.

La questione del piano regionale di riordino ospedaliero e le contestuali sorti del locale nosocomio “Sacro Cuore di Gesù” sono state affrontate in questi giorni dal Commissario Straordinario del Comune di Gallipoli, Guido Aprea. Intensi, infatti, sono stati i rapporti tra le segreterie del viceprefetto e del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, al fine di chiedere un incontro in cui l’attuale reggente di Palazzo Balsamo potesse illustrare e sostenere le ragioni del presidio ospedaliero ionico. “Il mio compito principale - ha spiegato il commissario Aprea - come ho più volte ribadito, è quello di erogare servizi in favore della comunità che amministro o quanto meno di salvaguardare quelli esistenti.

Per questo ho chiesto al presidente Emiliano di poter essere ascoltato per illustrare, a nome della comunità gallipolina che mi onoro di rappresentare in questa fase storica, le ragioni che militano in favore della conservazione della piena operatività del locale presidio ospedaliero. Posso assicurare sin da ora che garantirò il mio impegno pieno e personale per tutelare e salvaguardare il locale ospedale e pertanto, di conseguenza, chiederò al presidente Emiliano una nuova ponderazione degli interessi, compatibilmente con le vigenti previsioni normative in tale ambito, anche e soprattutto alla luce del bacino d’utenza che il nosocomio locale è chiamato a servire, specie nel corso dei mesi estivi”.  

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
28/06/2016
Obesi, ipertesi e diabetici: i pugliesi non se la passano ...
Sanità
27/06/2016
All'orizzonte nessun nuovo taglio e nessun ulteriore ...
Sanità
26/06/2016
Ieri al ferrari tre interventi con una tecnica ...
Sanità
24/06/2016
È quanto dichiara il segretario generale del ...
Sabato 2 luglio a Leuca la V edizione del Movida Party: musica con Francesca Profico, Mistura Louca, Cesko e Cristian ...