Imbarazzo in diretta nazionale: la bestemmia arriva dalla Puglia

venerdì 1 gennaio 2016
Durante la trasmissione "L'anno che verrà" in diretta su Rai1, passa in sovraimpressione una bestemmia arrivata da un sms di uno spettatore da Taranto. Sospeso il responsabile incaricato dei controlli.

Arriva da Taranto la prima figuraccia dell'anno sulla rete ammiraglia, Rai1. Durante la diretta de "L'anno che verrà", trasmessa dalla capitale della cultura Matera, è passata in sovraimpressione una bestemmia inviata da uno spettatore tarantino che ha pensato bene di regalare degli auguri un po', usando un eufemismo, "particolari". Una caduta di stile che non è sfuggita agli spettatori, che si sono scatenati in rete. 

Parla di "errore umano" la Rai, che ha subito divulgato un comunicato, dando notizia, al tempo, di aver provveduto a sospendere l'incaricato ai controlli:

"In merito al messaggio gravemente offensivo passato erroneamente in diretta durante la trasmissione 'L'anno che verrà' e sfuggito al filtro tra gli oltre 150 mila sms arrivati per celebrare l'arrivo del nuovo anno, la Rai - si legge in una nota di Viale Mazzini - porge le sue scuse a tutti i telespettatori. Il mancato controllo è frutto di un errore umano, il responsabile è stato immediatamente individuato e sospeso dall'azienda".

Ma non solo, perchè oltre all'sms dello scandalo, un'altra cosa è andata storta: il conto alla rovescia è iniziato con un minuto d'anticipo. Un inizio 2016 dal sapore fantozziano insomma, come hanno ricordato gli spettatori sui social.
TAG: tv, rai1, bestemmia
Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
25/09/2016
La trasmissione di Rai Tre dedica una pagina al caso del dj ...
Tv/Radio
25/09/2016
Orchestra e pianoforte hanno accompagnato la voce di Giuliano Sangiorgi in un'emozionante ...
Tv/Radio
23/09/2016
Il derby tra Lecce e Foggia del 31 ottobre prossimo, così come quello tra Taranto ...
Tv/Radio
16/09/2016
 Hanno atteso oltre un anno ma poi, come annunciato ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...