Regionali, Berlusconi ufficializza Poli Bortone come candidata. Meloni: “Adriana, rinuncia”

giovedì 16 aprile 2015

Dopo il vertice con l’ex premier il commissario Vitali conferma il nome della ex prima cittadina di Lecce, che ringrazia: “Battaglia difficile ma ce la metteremo tutta”. Rigettato l’appello di Fitto, Schittulli furioso, centrodestra spaccato. La presidente di FdI chiede un ripensamento.

Nessun ripensamento, nessuno spazio per ulteriori mediazioni: Silvio Berlusconi ha scelto e tira dritto per la sua strada, confermando Adriana Poli Bortone come candidata di Forza Italia alla Regione Puglia e ufficializzandone il nome. È questa la decisione emersa nel vertice con il commissario regionale, Luigi Vitali.

Nonostante l’appello delle ultime ore, lanciato da Raffaele Fitto, anche sulla base dei buoni sondaggi per Francesco Schittulli, la rottura si consuma e il centrodestra andrà spaccato al voto: da una parte i forzisti “dissidenti” (o ricostruttori), insieme a Fratelli d’Italia, Ncd, Movimento Politico Schittulli, Pli, Dc, Partito delle Aziende, Rinascita socialdemocratica, a sostengo dell’oncologo, già presidente della Provincia di Bari; dall’altra, Forza Italia, con Nuovo Partito Socialista Italiano e Noi con Salvini a supporto della ex senatrice e prima cittadina di Lecce, esponente di Fratelli d’Italia.

Il commento dell’ex senatrice è affidato ai social: “Ringrazio Berlusconi per la fiducia e tutti gli amici che si stanno impegnando per ridare linfa e voce per un centrodestra rinnovato in Italia. Io non posso che essere con coloro che intendono portare avanti un progetto vero nel quale la destra possa trovare il suo spazio”.

“Sono convinta – aggiunge - che sono Berlusconi e Salvini le due figure intorno alle quali si dovrà costruire il futuro centrodestra. In Puglia so che la battaglia è difficile, sia per i tempi ristretti sia per le defezioni di chi ha preferito schieramenti diversi dal centrodestra, sia per i consueti protagonismi ai quali siamo abituati da 10 anni, ma ce la metteremo tutta. Comunque, ci sono ancora 10 giorni per ricondurre nell’alveo giusto dell’unità queste forze politiche”.

Duro il commento di Schittulli che ritiene vergognose le lezioni di moralità impartite dalla ex senatrice e aggiunge: “Ho sempre dichiarato che mettevo a disposizione la mia candidatura per unire tutta la coalizione di centrodestra. Ero convinto che si potesse fare davvero, e sondaggi alla mano avremmo riconquistato la Regione Puglia dopo 10 anni di malgoverno di sinistra. Oggi resto in campo perché gli elettori del centrodestra pugliese possono e devono ancora credere che ci sia un modo di fare politica che non è vanità, che non è attaccamento alla poltrona, che non utilizzo delle Istituzioni solo per fini personali”.

Intanto Giorgia Meloni ha scritto ad Adriana Poli Bortone per rivolgere “formale richiesta di rinuncia ufficiale alla candidatura a Presidente per una coalizione diversa da quella individuata dal movimento". L’ex sindaco di Lecce risponderà con una lettera aperta al partito e a tutti i militanti domani alla richiesta del presidente del suo partito di rinunciare a candidarsi alla presidenza della Regione Puglia. Secondo quanto si apprende - sarà una risposta "meditata" perché "molti militanti non comprendono come mai FdI abbia rinunciato a sostenere la candidatura di un esponente del suo stesso partito".

Mauro Bortone

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
20/09/2019
Paura in mattinata a Lecce: è stato necessario ...
Lecce
20/09/2019
Sotto accusa il nuovo Piano Coste del Comune in via di ...
Lecce
20/09/2019
Incontro ieri sera nella sede della Federazione provinciale con la riunione promossa dai ...
Lecce
20/09/2019
Ad annunciarlo alla platea degli agricoltori di Coldiretti ...
Nell’ospedale pubblico di Lecce si pratica la partoanalgesia (ne abbiamo parlato di recente), ma 35 chilometri ...
clicca qui