Emorragia cerebrale mentre è alla guida: prelievo di cornee, fegato e reni al “Ferrari di Casarano”

mercoledì 25 marzo 2015

Sono stati i parenti a dare il consenso per il prelievo multiorgano.

Cornee, fegato e reni di un 62enne ricoverato in gravi condizioni sono state prelevate in un delicato intervento presso il “Ferrari” di Casarano.

L’uomo era in Rianimazione: i medici hanno eseguito una Tac urgente che ha confermato una emorragia cerebrale devastante. La consulenza Neurochirurgica ha escluso il trattamento chirurgico. Nella giornata di ieri sono stati rilevati i segni clinici e strumentali di morte encefalica, comunicati alla Direzione Sanitaria.

Alle 11,11 si è insediata la commissione medica per l’accertamento della morte cerebrale, che ha terminato i lavori alle 17,40. Nel frattempo l’equipe del “Ferrari” ha tenuto i contatti con i familiari che, se pur angosciati dal tragico evento, hanno trovato la forza per dare il consenso alla donazione degli organi.

Si è subito attivata la macchina organizzativa, guidata dal Giancarlo Negro, medico della Rianimazione e coordinatore locale dei trapianti.  È stato coinvolto il Centro Trapianti Regionale ed in tarda serata è giunta da Bari l’equipe che ha proceduto nel corso della notte al prelievo di fegato e reni.  Le cornee sono state prelevate da Giovanni Greco, medico rianimatore esperto.

È il primo prelievo di organi dell’anno nella ASL Lecce. “Da un episodio luttuoso una chance per la vita altrui - ha dichiarato il direttore Giovanni Gorgoni - ci uniamo alle lacrime dei familiari ma li ringraziamo per i sorrisi che hanno consentito con il loro gesto in un’epoca in cui la cultura della donazione fatica ancora ad attecchire”

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
24/05/2019
Lo screening si svolgerà dalle ore 9 alle 12 e nel ...
Sanità
23/05/2019
Le richieste protocollate in una lettera indirizzata ai ...
Sanità
21/05/2019
Focus scientifico a Lecce per ricercare una strategia ...
Sanità
17/05/2019
Silvana Leo è stata eletta coordinatrice del CIPOMO ...
STC, in una sigla la patologia che affligge migliaia di lavoratori, soprattutto donne. Con l’ortopedico Stasi ...
clicca qui