Ascensori bloccati da mesi negli ospedali di Nardò e Galatina: proteste contro l’Asl

giovedì 5 marzo 2015

Da diverso tempo gli ascensori sarebbero guasti con non pochi disagi a pazienti, disabili e utenti: non sembra andare meglio al “Fazzi” di Lecce, dove lo stesso problema si è verificato solo poche ore fa nel reparto malattie infettive. L’area tecnica cerca soluzioni.  

Gli ascensori degli ospedali di Galatina e Nardò sono fermi da alcuni mesi per motivi differenti. Non va meglio al “Fazzi” di Lecce, dove l’altro ieri gli ascensori di malattie infettive erano guasti e hanno procurato disagi ai disabili su sedia a rotelle che dovevano sottoporsi a terapia.

Al “Santa Caterina Novella” di Galatina , l’ascensore del Padiglione “De Maria” è fuori servizio da due mesi per un problema meccanico, pare alle funi di sollevamento. La segnalazione del guasto da parte della direzione dell’ospedale è da tempo sul tavolo della direzione tecnica della Asl. Ma soltanto la settimana scorsa è stata firmata l’autorizzazione alla ditta Romeo che cura la manutenzione e la riparazione degli ascensori. Si tratta, stando a quanto ha appurato Salute Salento, di un intervento delicato e complesso. Per alleviare i disagi degli utenti e dei pazienti, è stato suggerito di «liberalizzare» l’altro ascensore che oggi viene utilizzato solo da medici, infermieri e personale di servizio con l’uso di una chiave. Non ci risulta che sia stato fatto nulla.

Diversa la situazione dei 2 ascensori laterali del “San Giuseppe Sambiasi” di Nardò, ormai riparati e perfettamente funzionanti, ma «bloccati» da un ordine di servizio del direttore del Distretto socio-sanitario.

«Sono andato di persona a lamentarmi perché dobbiamo farci 4 piani a piedi», protesta un utente che per lavoro è costretto a vivere la struttura sanitaria, «il direttore mi ha spiegato che tiene fermi i 2 ascensori per garantire l’incolumità delle persone, perché – sostiene – è già accaduto che qualcuno è rimasto chiuso dentro».

A Salute Salento è stato spiegato che il responsabile del Distretto ripristinerà l’uso dei 2 ascensori solo quando verrà installato all’interno un sistema di chiamata telefonica di emergenza. Peccato che da mesi si sta discutendo fra l’Area Patrimonio e l’Area tecnica della Asl su quale sia il sistema più conveniente e sicuro. Mentre gli utenti, compresi quelli di Ortopedia al 3° piano, vanno su e giù per le scale.

Per contenere i disagi intanto, è stato «liberalizzato» il terzo ascensore, riservato al personale di servizio.  «Il problema è che lo usano tutti, infermieri, medici, personale delle pulizie con i carrelli – ribatte l’utente che si è rivolto alla nostra associazione – E prima che si riesca a prenderlo ti viene l’esaurimento. E poi – aggiunge amaro – questo non è privo di chiamata di emergenza come gli altri?».

Da poche settimane la direzione dell’azienda sanitaria ha incaricato un geometra perché si interessi e coordini gli interventi tecnici sugli ascensori di tutta la Asl.

Fonte: Salute Salento.

 

 

 

 

 

TAG: proteste, sanità, asl,
Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
10/07/2019
Dopo l’allarme, il sindaco e l’Asl hanno fatto ...
Cronaca
10/07/2019
Il rogo dovrebbe avere cause naturali: impiegati tre mezzi dei vigili del fuoco che ...
Cronaca
10/07/2019
Sono stati denunciati a Gagliano del Capo dai carabinieri ...
Cronaca
10/07/2019
I carabinieri hanno arrestato due persone per spaccio di ...
Bisogna sapere che le gengive dei piccoli devono essere pulite fin dai primi mesi di vita con una garzina umida. ...
clicca qui