"Credits4Healt", a Lecce il progetto Ue che premia chi migliora il proprio stile di vita

mercoledì 10 dicembre 2014
Una piattaforma Ue coinvolgerà 450 persone tra i 18 e i 65 anni: i premi per i partecipanti saranno buoni per palestra, sconti sulle assicurazioni e per prodotti salutari. 

Premi per chi migliorerà la propria salute con uno stile di vita sano: si chiama “Credits4Health” il progetto pilota europeo che coinvolgerà anche le provincie di Lecce, Brindisi e Taranto. I partecipanti al progetto saranno coinvolti attraverso una piattaforma web in percorsi personalizzati per intraprendere un rinnovato stile di vita: i “premi” saranno dei crediti, ad esempio sconti per prodotti salutari, risparmi sulla palestra o sull'assicurazione.
"Credits4Health" è gestito da un consorzio che comprende il ministero della Salute e organizzazioni no profit. E' finanziato dall'Ue e articolato in tre fasi e coinvolgerà a regime un bacino di oltre 3mila persone, terminando nel 2016. La prima parte dello studio coinvolgerà 450 persone tra i 18 e 65 anni selezionati in Italia, Grecia e Spagna. Chi entrerà nella piattaforma, avrà l'opportunità di entrare per circa due mesi all'interno di una comunità ed essere monitorato in maniera personalizzata in molti aspetti salutari della quotidianità. lo studio pilota è stato presentato oggi a Roma dalla coordinatrice Maria Luisa Brandi, docente di endocrinologia all'Università di Firenze, e dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

"La prevenzione - afferma Lorenzin - è stato un caposaldo dell'azione del semestre Ue, tutti ci rendiamo conto che la lotta alle malattie croniche può reggere se la prevenzione diventa parte della nostra vita. Questo è un progetto interessante, non ci sono farmaci e ha una parte induttiva grazie a internet e ad informazioni corrette”.

Uomini o donne tra i 18 e 65 anni, residenti o domiciliati in una delle aree interessate (Lecce, Taranto, Brindisi, Firenze) possono iscriversi sul sito www.credits4health.it e saranno contattate per prenotare un appuntamento in uno dei centri locali. Sarà poi verificata la loro idoneità e potranno ricevere il dispositivo che servirà a monitorare le attività fisiche suggerite dalla piattaforma.  

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
17/09/2019
Provincia di Lecce e Asl insieme per il progetto siglato ...
Sanità
12/09/2019
Al tavolo SEPAC Regione, ASL e sindacati. Accordo trovato per il passaggio di categoria, ...
Sanità
11/09/2019
Il progetto è nato sette anni fa ...
Sanità
03/09/2019
Per la Fp Cgil, la scelta di ridurre i posti letto a ...
Nella scuola di Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi, e nel teatro Apollo di Lecce è stato lanciato un ...
clicca qui