Pesce congelato spacciato per fresco in un supermercato leccese: è caccia alle frodi

lunedì 27 ottobre 2014

A seguito di alcuni controlli, stamattina i militari della capitaneria di porto di Gallipoli hanno trovato nella pescheria di un supermercato leccese seppie, calamari e filetti di merluzzo, venduti come prodotti freschi ma sottoposti, in realtà, a decongelamento.

Nella mattinata odierna i militari della capitaneria di porto di Gallipoli hanno effettuato una serie di controlli mirati a tutelare il consumatore nell’acquisto di prodotti ittici. Nel corso delle verifiche è stato accertato il reato di frode in commercio presso la pescheria di un supermercato di Lecce, dove l’etichetta riportava informazioni non veritiere: in particolare venivano vendute quali prodotti freschi seppie, calamari e filetti di merluzzo,ma nelle verifiche sulle filiere dei prodotti, emergeva che le specie ittiche erano state sottoposte ad un processo di decongelamento.

Il legale rappresentante, il responsabile del locale e l’addetto alla vendita sono stati deferiti all’autorità giudiziaria, mentre il prodotto ittico è stato messo in vendita dopo averne verificato, congiuntamente al personale medico dell’A.s.l., il buono stato di conservazione.

La guardia costiera, nell’ambito dei controlli svolti lungo la filiera ittica, orienta il proprio operato affinché vengano rispettate le norme per la corretta gestione degli stock ittici e tutela i cittadini da eventuali frodi, molto spesso mascherate da offerte commerciali particolarmente competitive.

foto: repertorio. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
19/06/2019
È arrivata la sentenza con rito abbreviato ai danni ...
Cronaca
19/06/2019
Sticchi Damiani e soci hanno mandato ai propri legali di ...
Cronaca
19/06/2019
Il fascicolo sul gasdotto presentato dal vicepresidente Usa Mike Pence. Il diktat di ...
Cronaca
19/06/2019
La ragazza era ospite di una comunità di Andria da qualche giorno. Si è ...
Rimuovere le corde vocali intaccate dal tumore e utilizzare una protesi costosissima, tecnologicamente ...
clicca qui