Acceleratore lineare per la cura dei tumori, importante passo avanti per la Asl di Lecce

giovedì 9 ottobre 2014
La ditta svedese Elekta ha manifestato interesse a fornire i nuovi macchinari che serviranno il reparto di radioterapia del Vito Fazzi di Lecce.

Importante passo avanti nell’acquisto dell’acceleratore lineare al “Vito Fazzi”. Il 3 ottobre scorso la ditta Elekta Spa di Agrate Brianza ha fatto pervenire all’area patrimonio della Asl la propria manifestazione di interesse: vuol dire che la rappresentante in Italia della multinazionale svedese Elekta, con sede a Stoccolma, si è dichiarata ufficialmente disponibile ad implementare l’intero reparto di Radioterapia del “Vito Fazzi”, dotandolo delle più recenti tecnologie diagnostiche.

«Adesso si dovrà attendere fino alle ore 14 del 16 ottobre, termine ultimo per la presentazione delle disponibilità da parte di altre ditte», spiega la dottoressa Eleonora Manfredi, che sta seguendo da vicino l’iter dell’avviso volontario ex ante, «E se ci saranno altre offerte si dovrà adottare un’altra procedura».
A quanto è dato di capire, Elekta Spa dovrebbe essere l’unica ditta interessata. Ma non si possono escludere sorprese dell’ultima ora, soprattutto in termini di ricorsi o, addirittura, di «limatura» del prezzo al ribasso. Quindi tempi che si allungherebbero e tecnologie che diventerebbero obsolete. C’è da incrociare le dita.
Nella delibera del 23 settembre scorso, la Asl aveva definito le caratteristiche che dovrà avere l’acceleratore di ultima generazione, le compatibilità con il resto dei macchinari e i lavori da effettuare nel bunker. Tutto con la somma a disposizione, di 2 milione e 700mila euro, da non superare.

 

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
05/08/2019
Una “fermata” per cambiare il pannolino e fare ...
Sanità
05/08/2019
Sedici gli operatori a lavoro per tutto il mese di agosto. Il servizio gratuito di ...
Sanità
27/07/2019
Tecniche nuove “made in Salento” e ...
Sanità
26/07/2019
Installati cinque nuovi defibrillatori nelle strutture ...
Dopo il caso di Bibbiano, si è acceso un faro sugli affidi in tutta Italia. Abbiamo ascoltato un professore ...
clicca qui