Sottratti a tassazione circa 700mila euro, la Finanza indaga sui White Queen

giovedì 24 aprile 2014

Nel mirino delle “Fiamme gialle”, Piero Epifani in arte Piero Venery front-man della band conosciuta anche al di fuori dei confini nazionali. Questa sera si esibiranno in un noto locale di Novoli.

Oltre 700mila euro sottratti a tassazione e 70mila euro di iva evasa. I finanzieri della tenenza di Manduria hanno posto sotto la lente gli introiti di un notissimo gruppo musicale di origine tarantine, i White Queen e in particolare del loro front-man, il sosia di Freddy Mercury, Piero Venery che negli ultimi cinque anni si è esibito con la sua band in circa 500 concerti organizzati in tutto il territorio nazionale ed anche in varie località europee, “dimenticando” però di dichiarare all’erario i cachet percepiti durante le esibizioni.

Gli accertamenti delle Fiamme Gialle hanno permesso di ricostruire l’effettiva dimensione dell’attività artistica del musicista, anche attraverso l’esame e l’incrocio di dati forniti da vari enti, tra cui la Siae. L’artista manduriano, nel periodo compreso tra il 2009 ed il 2013, ha realizzato numerosi spettacoli musicali in locali e luoghi pubblici all’aperto, situati principalmente nell’area salentina ma anche nelle regioni del centro-nord. Dal 2011 la band musicale ha eseguito anche tournee all’estero, in Spagna e Slovenia.

Le irregolarità accertate hanno svelato l’occultamento al fisco di gran parte del volume d’affari. Sono stati sottratti a tassazione circa 700mila euro di compensi ed evasa IVA per 70mila euro.

Questa sera i White Queen sono di scena a Novoli in una tappa del “The Miracle Tour”.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
09/12/2016
Sequestrati i beni di proprietà di un 52enne leccese ...
Cronaca
09/12/2016
Contestazioni durante la II commissione a Palazzo dei ...
Cronaca
09/12/2016
L’anziana ha riportato ustioni non gravi: ricoverata ...
Cronaca
09/12/2016
 Erano stipati in un sacco abbandonato lungo il ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...