Muore obeso, problemi per la sepoltura: troppo grande per il loculo

giovedì 6 febbraio 2014
Muore in casa dopo una crisi respiratoria. Il corpo dell'uomo, oltre 300 chili di peso, non trova una collocazione all'interno del cimitero di San Cesario a causa delle dimensioni del feretro.

Muore per una crisi respiratoria e ora non si sa dove tumularlo. E' la storia di un uomo di San Cesario di Lecce affetto da una grave forma di obesità, morto ieri a casa sua probabilmente a causa delle difficoltà per il traporto in ospedale. Quando l'uomo ha accusato il malore, sono stati allertati i vigili del fuoco, che sono giunti sul posto insieme a due ambulanze. Nonostante tutto, gli sforzi sono risultati vani e l'uomo è deceduto poco dopo. La complessa operazione per far uscire il corpo - oltre 300 chili di peso - da casa ha comportato dei lavori edili per allargare la finestra di casa, al primo piano, e l'abbattimento di un albero posizionato davanti alla stessa finestra. 

Ma i problemi sembrano non essere finiti. Pare che ora la difficoltà stia nel trovare una sepoltura al defunto. Il suo peso più quello della bara - altri 80 chili - e le conseguenti dimensioni non permetterebbero l'ordinaria tumulazione in un loculo. Tra l'altro, nel cimitero di San Cesario non sarebbe più possibile essere sepolti a terra, opzione che in questo caso avrebbe eliminato ogni ostacolo. A questo punto, verosimilmente, all'interno di una confraternita si costruirà un loculo ad hoc, capace di ospitare il corpo dell'uomo.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
19/02/2020
 Scacco al traffico di stupefacenti da parte della guardia di finanza. Sequestrati ...
Cronaca
19/02/2020
Il sindaco di Soleto ascoltato a margine ...
Cronaca
19/02/2020
 L’incidente sulla Surbo-Torre Rinalda, con due ...
Cronaca
19/02/2020
La scoperta dei carabinieri di Alezio.  Tra i rovi ...
Si chiama roncopatia, un respiro pesante e rumoroso mentre si dorme: è un disturbo respiratorio del sonno ...
clicca qui