Minaccia di morte e perseguita la sua giovane compagna, arrestato stalker

sabato 2 novembre 2013
Una giovane donna perseguitata e minacciata denuncia il suo aguzzino: arrestato stalker 18enne.


La chiamata al 113, l'arrivo delle volanti, l'ennesimo dramma di una donna perseguitata dal suo stalker.
Nuovo episodio di violenza contro le donne giovedì pomeriggio a Lecce. Una ragazza, perseguitata e minacciata dal suo uomo, Antonio Tommasi, 18enne brindisino, stanca di vivere nella paura ha richiesto l'intervento delle forze dell'ordine.

Il copione è quello già ben conosciuto dell'uomo che non accetta il rifiuto della donna e la fine della relazione e si sente autorizzato ad imporre con la forza il suo cosiddetto “amore”, che di amorevole non ha però proprio nulla.

La storia di persecuzione ha raggiunto il suo climax lo scorso 26 ottobre, quando la donna ha deciso di chiudere la relazione caratterizzata dalla violenza. Di tutta risposta il persecutore, anziché sparire, si è presentato sotto casa della vittima, minacciando di morte anche un’amica della sua compagna, e gridando ai quattro venti di voler pugnalare chiunque si fosse avvicinato alla sua ex. La volante arrivata sul posto ha poi trovato il molestatore ancora sotto casa della ragazza che ha poi deciso di sporgere denuncia raccontando tutti gli episodi di minacce di morte, molestie e scene di gelosia, seguite da centinaia di telefonate ancora rintracciabili sul telefono. Una violenza reiterata e continua che lo scorso 24 aprile era sfociata in percosse e minacce.

Già in quell'occasione la ragazza aveva denunciato il violento, ritirando però poi poco dopo la querela sulla base delle promesse dell'uomo. Una fiducia mal risposta, come dimostra la cronaca di questo episodio come di tutti gli altri analoghi, in quanto l'uomo, anziché interrompere la spirale di violenza, proprio da quel momento aveva messo in atto una vera e propria escalation di violenze: a luglio si era introdotto nel condominio dove vive la donna, sbattendo contro la porta d’ingresso dell’abitazione, offendendo pesantemente la ex fidanzata con frasi di ogni genere, tanto da guadagnare una denuncia per atti persecutori, molestie e disturbo della quiete notturna e riposo delle persone. Il 26 ottobre un nuovo episodio nonostante gli fosse stato intimato di non presentarsi a casa della ragazza, anche qui terminato solo con l'intervento delle volanti. Tre giorni dopo si era ripresentato a casa della ragazza per controllarne i movimenti. La ragazza, sentendosi tranquilla, era infatti uscita da casa nel pomeriggio e, mentre stava attraversando viale De Pietro, era stata afferrata e spintonata dal Tommasi che, in lacrime, la supplicava di tornare con lui, alternando momenti di pianto a reazioni di rabbia e violenza.

Il 31 scorso poi l'epilogo: l’uomo, dopo aver chiamato ripetutamente l’amica della sua ex per avere il nuovo numero di cellulare, minacciava pugnalate a chiunque avesse osato avvicinarsi alla sua donna.

L'uomo adesso è stato arrestato e condotto presso la locale casa circondariale. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
11/12/2019
Rintracciano il ladro che le aveva sottratto poco prima il ...
Cronaca
11/12/2019
Paura a bordo e un ritardo di nove ore per il decollo ...
Cronaca
11/12/2019
Con delle grosse mazze hanno mandato in frantumi la porta ...
Cronaca
11/12/2019
Le indagini dei carabinieri hanno permesso di rintracciare ...
La mortalità a causa delle patologie cerebrovascolari è ancora troppo alta, senza contare che sono la ...
clicca qui