Lecce, parte la mission impossible Miccoli

sabato 6 luglio 2013
Lavora alacremente la famiglia Tesoro per portare il Romario del Salento a Lecce. Binario aperto con Terni.

Fabrizio Miccoli è il sogno, ormai noto, della famiglia Tesoro. L’attaccante di San Donato, tifoso giallorosso doc, potrebbe accendere la passione dei supporters leccesi, ma le ragioni del cuore non possono essere però sopraffatte dalla realtà dei fatti. La trattativa si presenta difficile, non fosse altro per l’altissimo ingaggio (un milione e seicento mila euro l'ultimo anno a Palermo) che l’ex Perugia e Juventus percepisce.

Cifre fuori dalla galassia della Lega Pro, motivo per cui il Romario del Salento dovrà entrare nell’ordine di idee del decurtamento salariale, per il bene del Lecce. Ciò che Savino e Antonio Tesoro ripeteranno a lui nel prossimo incontro tra le parti. Il sacrificio economico di Miccoli, che ha diverse offerte da tutte le parti del mondo, è fondamentale per la riuscita di quest’operazione difficilissima ma non impossibile.

Intanto si avvicina il primo arrivo nel Salento. Davide Carcuro, centrocampista classe 1987 della Ternana, è a un passo dal vestire la maglia giallorossa. Il trevigiano, allenato da Francesco Moriero a Crotone, ha detto sì nei giorni scorsi ad Antonio Tesoro, che chiuderà l’affare con gli umbri attraverso uno scambio alla pari. Infatti, Stefano Ferrario, titubante sulla destinazione rossoverde, potrebbe accettare la proposta da parte della società che in passato fu di colui che accende le passioni giallorosse, ovvero Fabrizio Miccoli.

Fonte: Salentosport.net
TAG: lecce, miccoli
Altri articoli di "Calcio"
Calcio
21/02/2020
L’allenatore boemo ha dichiarato di apprezzare ...
Calcio
20/02/2020
Il difensore giallorosso resta concentrato: ...
Calcio
20/02/2020
L’U.S. Lecce comunica che, a seguito della decisione dell'Osservatorio sulle ...
Calcio
19/02/2020
La formazione di calcio multietnica quasi interamente composta da calciatori richiedenti ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui