Us Lecce, Gustinetti: “E ora si fa sul serio”

mercoledì 15 maggio 2013
Presentazione ufficiale del nuovo allenatore del Lecce, Gustinetti: “Adesso è come se cominciasse un campionato nuovo”.

La prima volta di Elio Gustinetti, il neo allenatore del Lecce ed ex allenatore dello Spezia, arriva tra parole dure. La presentazione ufficiale è in qualche modo una dichiarazione di guerra. Per far ripartire il Lecce ci vuole impegno. O meglio, come detto dal neo allenatore, “I giocatori dovranno sputare sangue per la maglia”. Dopo una stagione altalenante, ci vuole tanta energia per risollevare le sorti della squadra. Quando il gioco si fa duro, dunque, chi è chiamato ad un compito così arduo non può sottrarsi al ruolo. E Gustinetti non delude.

Antonio Tesoro
, meglio conosciuto come Tesoro Jr, il direttore sportivo, non ha dubbi: “Abbiamo scelto Gustinetti per una scelta di serietà e sobrietà. È un mister con le spalle larghe, esperienza e tanti risultati positivi. Credo che potrà gestire al meglio questo momento. Siamo molto contenti di averlo qui”.

“Ci incontriamo per la terza volta per presentare un allenatore” ha continuato Tesoro. “Qualcosa non è andato per il verso giusto. Cambiare prima dei play off non è abituale, ma abbiamo ritenuto opportuno farlo per situazioni negative delle ultime settimane. A pagare è sempre il mister ma, ringraziamo mister Toma perché ha fatto molto bene e ha portato miglioramenti tattici, fisici e psicologici. Il Trapani ha fatto un campionato eccezionale e noi non abbiamo saputo sfruttare le occasioni. Ora bisogna smettere si piangere su latte versato e impegnarci per questa impresa”. E poi ancora: “Non è stato un campionato deludente, ma abbiamo avuto momenti di black out che adesso non ci sono più permessi. È il momento di concentrarsi e prendersi le proprie responsabilità. Anche i giocatori hanno le loro colpe, non solo l'allenatore. I punti persi in maniera sciocca non li abbiamo più recuperati. Dalla prossima settimana andremo a tempo indeterminato in ritiro per raggiungere tranquillità necessaria.

Una cosa che abbiamo apprezzato di Gustinetti è che non ci ha messo il coltello alla gola per la questione contrattuale. Tuttavia, non l'abbiamo scelto per questo, ma per le sue qualità”.



“La cosa è stata improvvisa” ammette Gustinetti. “Sono sempre dispiaciuto quando ci sono degli esoneri. So quanto c'è di rammarico e di dispiacere in queste fasi. Ma se hanno deciso così evidentemente c'è qualcosa che non andava. Non sono inesperto: ho giocato molti play off alcuni vincendoli altri perdendoli. Ora ci deve essere una grande componente di forze per portare a termine questo campionato. Dobbiamo essere tutti bravi, nessuno escluso. È come se adesso cominciasse un campionato nuovo, bisogna dimenticare quello che è successo fino ad ora. Dobbiamo essere l'outsider in questo momento; i giocatori devono avere fame di vittorie, cosa che è mancata in po' durante quest'anno. Il Lecce merita palcoscenici diversi, su questo non c'è dubbio, ma dobbiamo dimenticare il passato e lavorare serenamente per raggiungere il nostro obiettivo”.


“È la prima volta che mi capita una situazione del genere” continua poi “Ho sempre allenato le mie squadre dall'inizio dell'anno. Al di là del modulo, c'è bisogno di gente che abbia voglia di sputare il sangue per questa maglia. Senza questo, non possiamo raggiungere l'obiettivo. Basta con le serate fuori e grande importanza al comportamento e all'alimentazione. Abbiamo bisogno gente che dia il 100%. Più che il modulo, importa la condizione mentale”.

 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
20/02/2020
L’U.S. Lecce comunica che, a seguito della decisione dell'Osservatorio sulle ...
Calcio
19/02/2020
La formazione di calcio multietnica quasi interamente composta da calciatori richiedenti ...
Calcio
19/02/2020
Il portiere della promozione in Serie B prolunga di una stagione il suo contratto con ...
Calcio
19/02/2020
Successi importanti e tre passi in avanti in classifica per Deghi e Ugento. Pari interno ...
Il prolasso dell’utero e della vescica è un problema che affligge milioni di donne. Il professor Antonio ...
clicca qui