Giudice di pace, 14 Comuni scrivono al Ministero: Maglie non si tocca

mercoledì 1 maggio 2013
È stata inviata nei giorni scorsi al Ministero della Giustizia la convenzione sottoscritta dalle amministrazioni intenzionate a confermare la sede di Maglie.

Sono 14 le amministrazioni che vogliono salvare la sede del Giudice di Pace di Maglie. Nei giorni scorsi il sindaco Antonio Fitto ha raccolto le adesioni dei primi cittadini e ha potuto inviare al Ministero la convenzione in cui “si assume espressamente l’impegno a farsi integralmente carico delle spese di funzionamento e di erogazione del servizio di giustizia, compreso il fabbisogno del personale amministrativo. Gli atti di impegno rispetto agli oneri, con le relative quote di partecipazione saranno a carico di ciascun comune interessato”.

Oltre a Maglie, l’immobile magliese servirà anche i comuni di Botrugno, Cannole, Giurdignano, Minervino di Lecce, Nociglia, Ortelle, Poggiardo, Otranto, Sanarica, San Cassiano, Scorrano, Surano e Uggiano la Chiesa. La spesa annua di 124mila euro verrà ripartita in termini percentuali in base al numero di abitanti: Maglie pagherà poco più di 31mila euro all’anno, Scorrano circa 15mila euro, Poggiardo quasi 13mila euro, Otranto poco meno di 12mila euro, Uggiano 9.500 euro, Minervino quasi 8mila euro, Botrugno si attesta sui 6mila euro, Nociglia e Ortelle 5mila euro, Giurdignano e San Cassiano 4mila euro, Cannole, Surano e Sanarica, infine, poco più di 3mila euro.
 
Altri articoli di "Società"
Società
18/10/2019
Roberto Giordano Anguilla, capogruppo di Fratelli ...
Società
18/10/2019
Approvato ieri dalla giunta comunale di Lecce il progetto ...
Società
18/10/2019
Respinto il ricorso di una società leccese. Per la ...
Società
18/10/2019
È previsto per domani l'arrivo in Puglia dello ...
Il piede torto congenito è una malformazione di ossa e articolazioni che colpisce uno o due neonati su mille: ...
clicca qui