"No al racket", Vincenzo Conticello al liceo "Da Vinci"

venerdì 26 aprile 2013

 

Venerdì 26 aprile l’imprenditore palermitano che ha si è ribellato alla Mafia incontra gli studenti dell’Istituto magliese.

“L’antica focacceria San Francesco” è uno storico locale del capoluogo siciliano di proprietà della famiglia Conticello. Un locale che affonda le sue radici nella storia del nostro paese e, ancor prima, nella storia del Regno delle due Sicilie. Dal 2001 l’attività familiare si è trasformata in un’azienda da 500mila euro di fatturato all’anno e questo ha  suscitato gli interessi della Mafia che, a partire dal 2005 ha cominciato a far pervenire ai proprietari insistenti richieste di denaro in cambio di “protezione”.

Ma il proprietario del locale, Vincenzo Conticello non si è arreso e “a occhi aperti” ha avuto il coraggio di dire no al pizzo e denunciare i suoi aguzzini, con tutte le conseguenze che questa scelta coraggiosa ha comportato per la sua vita, sia di uomo che di imprenditore.

Vincenzo Conticello incontrerà i ragazzi del Liceo “Da Vinci” di Maglie venerdì 26 aprile presso l’Auditorium, e racconterà la sua coraggiosa scelta di legalità e la sua vita di imprenditore e di uomo perennemente sotto scorta. All’incontro, moderato dal giornalista Rosario Tornesello, prenderanno parte la dirigente del Liceo “Da Vinci” Annarita Corrado, il prefetto di Lecce Giuliana Perrotta, il residente della Provincia Antonio Gabellone, il sindaco di Maglie Antonio Fitto, il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Lecce Marcella Rucco, l’avvocato generale della Repubblica Antonio Maruccia e il comandante provinciale della Guardia di Finanza colonnello Vincenzo Di Rella.

Fonte: Belpaese

 
Altri articoli di "Società"
Società
22/10/2019
Da Bari una risposta alle lamentele ...
Società
22/10/2019
A scuola con la media del dieci: tra i ventisei studenti ...
Società
22/10/2019
Acquedotto Pugliese, nell’ambito del progetto ...
Società
21/10/2019
L’amministrazione ha inviato una nota di protesta ...
I numeri sono confortanti: con le nuove tecnologie e con le nuove terapie guariscono di più i piccoli colpiti ...
clicca qui