Salento D'Amare, la Provincia ci riprova

giovedì 18 aprile 2013
La Provincia di Lecce rilancia il suo marchio Salento d'Amare, che dove aver campeggiato sulle maglie del Lecce in serie A e B, oggi sbarca sul casco del giovane motociclista Alessandro Nocco. Ma non solo: in programma anche Daniele Greco e anche il cantante Antonio Maggio


Il ritorno di Salento D'Amare, marchio della Provincia dato alla luce in epoca Ria, che lo volle sulle maglie dell'Us Lecce e anche come sponsor del Giro d'Italia, è il motociclismo.

Questa mattina a Palazzo Adorno è stata infatti presentata una delle nuove sponsorizzazione provinciali, che saranno dedicate alle eccellenze sportive salentine. La prima è quella che porterà il marchio sul casco del giovanissimo Alessandro Nocco, campione salentino del motociclismo internazionale.

Capelli arruffati alla Simoncelli e sorriso dolce al fianco del presidente della Provincia e dell'assessore al Turismo Francesco Pacella, Nocco ha preso possesso del nuovo casco che farà di lui uno dei nuovi e giovanissimi testimonial del Salento nel mondo.
Il 15 enne tavianese è un astro nascente del motociclismo internazionale, pilota della scuderia san Carlo Team. Quest'anno sarà in corsa nel campionato europeo Superstock 600, nei Gran Premi di Spagna (Aragon e Jerez de La Frontera), Olanda, (Assen), Italia (Monza e Imola), Portogallo (Portimao)
 Gran Bretagna (Silverstone), Francia (Magny-Cours), Germania (Nurburgring).
 
Costo dell'operazione 10 mila euro. Un percorso analogo sarà studiato molto presto con il campione di salto triplo Daniele Greco ma anche con il cantante salentino Antonio Maggio.
Altri articoli di "Società"
Società
14/11/2019
Sono stati definiti i bandi che riguardano le Ciancole e le ...
Società
13/11/2019
Lo ha annunciato il sindaco Ernesto Toma, promettendo un ampliamento del servizio nei ...
Società
13/11/2019
È un dovere civico esprimere vicinanza e fraterna gratitudine alla ...
Società
11/11/2019
Oggi è stato avviato il processo che consentirà di utilizzare un unico ...
La diagnosi precoce e l’informazione è il miglior modo per prevenire una malattia che colpisce 415 milioni ...
clicca qui