L'assessore alla sanità della Regione Puglia assicura: “Pet Tac gratis a Lecce”

domenica 6 gennaio 2013

 

L’assessore Ettore Attolini risponde al capogruppo del Pdl Rocco Palese che aveva parlato di una “telenovela girata sulle spalle dei concittadini”.

 


"La convenzione della Asl di Lecce con la struttura privata per la esecuzione gratuita dell'esame Pet Tac è attiva dall'ottobre 2011 ed è stata garantita senza soluzione di continuità fino al 31 dicembre 2012. Attualmente è stata prorogata sino all'attivazione della Pet Tac pubblica. Pertanto il servizio continuerà ad essere garantito in regime di convenzione per i cittadini leccesi.

Questa convenzione ha consentito nel periodo indicato, di soddisfare quasi completamente il fabbisogno di questo importante esame diagnostico. I risarcimenti, cui fa cenno il Presidente Palese, si riferiscono ad esami eseguiti a pagamento prima dell'entrata in vigore della convenzione. Vorrei sottolineare come la nota di Palese tenda invece ad oscurare due aspetti importanti che dimostrano la volontà con la quale il governo regionale sta affrontando un complicato processo di riqualificazione del sistema sanitario regionale.

Negli ultimi anni, dal 2009 in poi, in Puglia con i fondi euorpei Fesr sono state attivate, o sono in fase di imminente attivazione, ben cinque Pet tac pubbliche cui è destinata ad aggiungersi anche quella di Lecce. È stato inoltre recentemente consegnato il cantiere del nuovo ospedale Vito Fazzi dedicato alle emergenze urgenze e destinato a riqualificare l'intero sistema di offerta di prestazioni ospedaliere nel territorio della Asl. Infine mi sembra necessario evitare, pur nella imminente campagna elettorale, strumentalizzazioni che rischiano, queste sì, di creare incertezza e confusione nei cittadini".

Il capogruppo Pdl in Regione Rocco Palese aveva parlato di “una vera e propria telenovela in cui a rimetterci sono sempre e solo gli incolpevoli pazienti che per questi disservizi continuano a pagare circa 290 milioni di euro di tasse regionali aggiuntive all'anno. Nel frattempo chi pensa ai cittadini? Se la Giunta Vendola avesse avviato per tempo le procedure per la Pet pubblica, oggi sarebbe certamente già in funzione e se, nelle more, avesse continuato a rinnovare la convenzione per garantire ai cittadini di potersi sottoporre gratuitamente all'esame, avrebbe certamente speso molto meno di quanto sta spendendo oggi nei contenziosi attivati da pazienti che chiedono giustamente di essere rimborsati". 
Altri articoli di "Sanità"
Sanità
13/11/2019
Appuntamento alle 18 presso Arthotel & Park a ...
Sanità
09/11/2019
Saranno presenti in questa iniziativa benefica, nata per ...
Sanità
08/11/2019
Presentato il progetto del nuovo nosocomio, alla presenza ...
Sanità
23/10/2019
Una donazione che si inserisce all’interno delle ...
Uno spot della Regione Puglia con Lino Banfi sottolinea il rischio dell’influenza del falsi miti sui vaccini: dal ...
clicca qui