Al via il Capodanno dei popoli: sapori e tradizioni dal mondo

venerdì 28 dicembre 2012
Il 1° gennaio a Lecce torna il Capodanno dei popoli: tradizionale appuntamento con le culture delle comunità migranti presenti sul territorio. 


C’è chi aspetta tutto l’anno per assaggiare il cous-cous marocchino o il ceebu jen senegalese. L‘occasione è il tradizionale Capodanno dei popoli, appuntamento fisso, da più di dieci anni, nato fin dalle origini come occasione di incontro e scambio tra i cittadini salentini e le culture delle comunità migranti presenti sul territorio. 

Inserito quest’anno nell’ambito del “Festival internazionale dei Popoli”, finanziato nell’ambito del Programma Operativo FERS Puglia 2007-2013, e organizzato dalla Provincia di Lecce – assessorati alle Politiche Giovanili e alle Politiche Sociali – insieme al Comune, la Regione, il CTS Lupiae Lecce, l’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, il Comune di Aradeo, il Comune di Ugento, il Comune di Tricase e l’Associazione Obiettivo Primo Piano, tra profumi, sapori, musica e danze, attenderà i partecipanti in Piazza dei Mesagnesi, a Lecce.

 

L’appuntamento è fissato per martedì 1 gennaio 2013, a partire dalle 19. Per inaugurare il nuovo anno, le comunità di Albania, Senegal, Rom, India, Etiopia, Cuba, Romania, Marocco, Nord Africa, Kenia e Sri Lanka offriranno ai palati più curiosi nuovi e gustosi piatti della gastronomia dei loro Paesi di origine. 


Fulcro della rassegna sarà l’incontro internazionale di circa 45 giovani artisti, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, provenienti da Tunisia, Marocco, Libia e Italia che proporranno esibizioni di musica con strumenti tradizionali, di danza e performance   artistiche. 


Nello stesso scenario, il camper del Progetto “On the road” ospiterà la mostra della produzione letteraria di autori di origine straniera in italiano, attraverso oltre 60 opere  di scrittori migranti che hanno scelto l’Italia come casa, rifugio, scommessa e sopravvivenza, e la proiezione dei cortometraggi amatoriali “La rivoluzione dei gelsomini”, a cura di CTS Lecce. Le immagini  raccontano le proteste e le sommosse popolari in numerose città della Tunisia, scattate dagli stessi protagonisti della rivoluzione, proponendo un punto di vista di eccezione, profondo, realistico, veritiero e crudo. 

L’intera rassegna  è idealmente dedicata  all’instancabile azione dell’associazione Huipalas attiva in Kenya ad Emali (Nairobi)  nella creazione di un villaggio solidale denominato “Kijiji”, che ospiterà bambini orfani, mamme sole e giovani già sostenuti dall’associazione attraverso borse di studio.


“La decisione di dedicare l’edizione 2012 del Capodanno al progetto di Huipalas in Kenia testimonia l’intenzione della Provincia di favorire e sostenere i rapporti tra gli immigrati e i paesi d’origine, quale contributo alla costruzione di una cultura basata sulla solidarietà e la cooperazione internazionale”, dichiarano l’assessore provinciale alle Politiche giovanili Bruno Ciccarese e alle Politiche sociali e Pari opportunità Filomena D’Antini Solero. “Nonostante le difficoltà economiche, la Provincia di Lecce, anche quest’anno, riesce a mantenere viva la tradizione del Capodanno dei popoli, con l’auspicio che la città non disperda la sua vocazione alla solidarietà e all’attenzione agli altri, che è uno dei tratti identitari del popolo salentino”. 

Altri articoli di "Eventi"
Eventi
19/02/2020
Da giovedì 20 a San Donato e Galugnano si festeggia ...
Eventi
18/02/2020
Un’edizione ricca di sorprese e divertimento, organizzata ...
Eventi
16/02/2020
Torna a Martignano il Carnevale della Grecìa ...
Eventi
16/02/2020
Doppio appuntamento in maschera a Carmiano e Magliano con il “Carnevalinsieme ...
Si chiama roncopatia, un respiro pesante e rumoroso mentre si dorme: è un disturbo respiratorio del sonno ...
clicca qui