Ugo e Iolanda, al caldo solo per il weekend: di nuovo in strada

martedì 11 dicembre 2012
I due cittadini sfrattati, sono stati ospitati per due giorni nella casa alloggio delle Clarisse. Adesso sono di nuovo in via Vecchia Surbo, nella loro auto.

Sembrava vicino ad una soluzione il caso di Ugo e Iolanda, i coniugi leccesi costretti a vivere in un’auto in seguito ad uno sfratto circa un mese fa. Questo fine settimana i due cittadini -  lei cardiopatica, lui non più giovanissimo - erano stati accolti nella casa alloggio delle Clarisse. Adesso però sono di nuovo in strada: l’alloggio era stato già destinato ad altri e i due signori sono di nuovo al freddo. 

A intercedere in loro favore è Don Attilio Mesagne, della Caritas Diocesana, che adesso ribadisce la disponibilità ad accogliere i due in una stanza nella casa di accoglienza Emmaus. Ugo e Iolanda però non ci stanno, pur ringraziando Don Attilio, temono che così l’Amministrazione possa scordarsi di loro. Preferiscono passare il Natale al freddo pur di veder risolto definitivamente il loro caso. 

La questione è complessa. Iolanda è assegnataria di un alloggio popolare, occupato adesso da altri inquilini non si capisce bene a che titolo. Dopo lo sfratto per morosità dal vecchio appartamento di Via Vecchia Surbo, luogo dove ancora sostano con la casa/Fiorino circondati dai loro mobili, speravano di poter finalmente entrare nell’alloggio popolare, ma così non è stato. 

Cresce intanto in città l’interessamento per il disagio della coppia. Oltre a Beniamino Piemontese, un cittadino che ha preso a cuore la vicenda, e a Don Attilio Mesagne, sono tante le esortazioni che continuano ad arrivare a Palazzo Carafa perché i due cittadini possano legittimamente riavere un tetto sulla testa.

m.p.

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
23/08/2019
L'ex ministro del Governo Letta sarebbe apprezzato dallo ...
Lecce
22/08/2019
L’allarme lanciato da Coldiretti Lecce, che parla dei ...
Lecce
22/08/2019
Agli ordini di mister Liverani e del suo vice, Manuel ...
Lecce
22/08/2019
La Questura, di concerto con il Prefetto, ha disposto il rimpatrio per tre ...
Aumentano le persone che decidono di conservare i propri spermatozoi o gli ovuli in attesa del momento giusto. ...
clicca qui