Casa della Carità, Tarcisio Bertone a Lecce per inaugurare la struttura

giovedì 6 dicembre 2012
Apre le porte a Lecce la struttura al servizio dei più bisognosi, nata dall’intuizione e dall’impegno dell’Arcivescovo di Lecce, Domenico Umberto D’Ambrosio. All’inaugurazione domenica ci sarà il cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano.

Una mensa per i poveri, un rifugio, delle docce e dei medici a disposizione dei bisognosi: Lecce si attrezza per essere una città anche a servizio dei più deboli. Grazie all'impegno dell'Arcivescovo Domenico Umberto D'Ambrosio, nel cuore di Lecce nasce 'La casa della Carità' , che in nome della Pietas di cristiana memoria, darà rifugio e accoglienza agli 'ultimi'.

Domenica prossima, 9 dicembre 2012, l’inaugurazione, alla presenza del cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano. Parteciperanno anche numerosi vescovi pugliesi, il Direttore nazionale di Caritas Italiana, mons. Francesco Antonio Soddu e diverse autorità.

L’inaugurazione della “Casa della Carità” è prevista per le ore 10:15, con una breve e semplice cerimonia. Successivamente, alle ore 11, il cardinale Tarcisio Bertone presiederà la Celebrazione Eucaristica in Cattedrale, alla presenza del clero e dei fedeli della diocesi.

La nuova struttura al servizio delle povertà sarà gestita dalla Caritas diocesana, guidata da monsignor Attilio Mesagne, ed è stata realizzata all’interno di un immobile completamente ristrutturato nel centro storico del capoluogo salentino (Corte Gaetano Stella, 14). Poco più di un anno il tempo dei lavori, che hanno dato nuova vita allo stabile di proprietà del Monastero delle Benedettine, ceduto in comodato d’uso all’Arcidiocesi. La ristrutturazione è stata effettuata con fondi diocesani, con l’aiuto di benefattori e con il contributo di Caritas Italiana.

Nella “Casa della Carità”, spiegano dalla Caritas diocesana di Lecce, “saranno accolti i fratelli bisognosi, in attesa di altra collocazione, per una breve permanenza e saranno offerti i seguenti servizi: ascolto, accoglienza notturna, mensa, docce, consulenza medica e legale”. Con questa opera “si aggiungerà una ulteriore tessera nel mosaico della Carità della Chiesa di Dio che è in Lecce, testimonianza concreta di una comunità che è nel bisogno”.
“La nostra comunità diocesana partecipa con gioia all’inaugurazione della Casa della Carità, voluta tenacemente dal nostro Pastore, e concretizzata in meno di un anno grazie ad un intreccio di generosità, collaborazione e contributi: un vero dono di amore”, spiega Monsignor Fernando Filograna, Vicario generale dell’Arcidiocesi di Lecce.
“All’origine – aggiunge - c’è il grido silenzioso ma lacerante di tanti fratelli che come Gesù ‘non hanno un sasso dove posare il capo’. Poi la scena avvilente delle file interminabili presso i centri dove si distribuisce un pacco, un pasto o un bicchiere d’acqua. E infine la domanda angosciante nel cuore: e io cosa posso fare? E tu, Chiesa di Lecce, cosa fai? La domanda è diventata un’eco nel cuore del nostro Arcivescovo fino a quando presso il Monastero delle nostre Benedettine non ha ricevuto la luce di una sua realizzazione. Ed ecco una Casa dono di chi nel passato l’ha acquistata e donata; dono per chi bussa per dormire una o più notti, per lavarsi o per prendere un pasto caldo; dono per chi generosamente e silenziosamente si recherà per annunciare il mistero dell’amore di Dio mettendosi a servizio giorno dopo giorno; dono del nostro Arcivescovo, primo responsabile della realizzazione del servizio della carità”.
“La Casa della Carità – sottolinea Mons. Filograna -, insieme alla Casa Emmaus e alle tante mense parrocchiali, sempre più  frequentate, diventerà un contributo positivo, anche per renderci consapevoli di ciò che è sbagliato nella nostra società: l’efficientismo, l’idolatria dell’avere, del potere e del godere; potrà promuovere una speciale attenzione per la persona che è nel bisogno e una preziosa funzione pedagogica nella comunità cristiana, favorendo l’educazione alla condivisione, al rispetto e all’amore secondo la logica del Vangelo di Gesù”.
“L’Anno della Fede – conclude il Vicario generale - viene così impreziosito non solo dalla Visita Pastorale del nostro Arcivescovo, ma anche da quest’opera sulla scia di quanto Gesù ha lasciato come eredità alla sua Chiesa e che da subito le comunità cristiane hanno cercato di mettere in pratica: l’ascolto della Parola, la Frazione del Pane, la cura dei Poveri. Sarà una Casa come il Tabernacolo della Diocesi, dove viene accolto Gesù povero, un tabernacolo che completa ed è un tutt’uno con quello che custodisce l’Eucaristia”.

I servizi della “Casa della Carità”
La Casa della Carità di Lecce è stata  fortemente voluta per il sostegno immediato di qualunque persona senza distinzione di sesso, cittadinanza, razza, religione, che versa  in grave stato di necessità ed alla quale  verranno offerti, in forma completamente gratuita, alcuni servizi essenziali per la persona. Le attività promosse dalla Casa della Carità, sono frutto di una sintesi tra l’esperienza degli operatori di Casa Emmaus (con i senza fissa dimora) e il confronto con altre strutture italiane che operano da anni in questo settore.

Tra i servizi:
- Accoglienza notturna per uomini adulti fino a 20 persone (le donne saranno ospitate presso Casa Emmaus-Parrocchia S. Maria dell’Idria. 12 posti letto). Tutti i giorni: ingresso dalle ore 19:00 alle 20:30 (per casi eccezionali l’accesso potrà essere prorogato, previa esplicita autorizzazione,  fino alle ore 24:00); uscita ore 08:30 (dopo la colazione).
- Ascolto. Tutti i giorni dalle ore 18:00 alle 20:30; Lunedì e  Giovedì anche di mattina, dalle ore 09:30 alle 11:30.
- Mensa. Tutti i giorni. Colazione dalle ore 07:30  alle ore  08:30;    pranzo dalle ore 12:00 alle ore 13:30; cena       dalle ore 19:00 alle ore 20:00.
- Docce uomini Casa della Carità. Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle ore 10:00 alle ore 11:30.
- Docce donne Casa Emmaus : Lunedì e Martedì dalle ore 9,30 alle ore 11,00.
- Consulenza sanitaria: a richiesta ed in caso di bisogno.
- Consulenza legale : a richiesta ed in caso di necessità.
Altri articoli di "Società"
Società
23/05/2019
Il suo ritrovamento il 19 febbraio 2018. Di origini ...
Società
23/05/2019
La libreria Liberrima vuole ricordare la studentessa 22enne ...
Società
19/05/2019
Questa mattina il taglio del nastro.  E' stata ...
Società
18/05/2019
Sei i temi dell’appuntamento di lunedì 20, in via Nazario ...
Un paziente già operato, se prenota a marzo, nel pubblico deve attendere fino a luglio: eppure la risonanza ...
clicca qui