Feralpisalò - Lecce, le pagelle

lunedì 3 dicembre 2012
Benassi 5: partita non brillantissima la sua; il vantaggio nasce da un pasticcio con Diniz, il raddoppio si poteva evitare. Chiamato in causa diverse volte ha risposto alla grande.

Diniz 4,5: prestazione macchiata indissolubilmente da quel retropassaggio che ha spalancato le porte del successo ai padroni di casa. Buona gara nel complesso ma hanno pagato la grande prestazione degli attaccanti avversari.

Esposito 4,5: come Diniz; la difesa va spesso in affanno sugli attacchi del giovane Montella e di Migrati. Giornata no per tutto il reparto.

Legittimo 6: molto buona la prestazione del giovane terzino sinistro che sostituisce egregiamente Tomi. I gol non arrivano dalle sue parti, ha fatto il suo compito.

Di Maio 5: non risolve molto la situazione; la partita al suo ingresso era già compromessa sopratutto dal punto di vista del gioco. Da solo non avrebbe potuto contenere la velocità degli attaccanti avversari.

Vanin 4: al contrario di Legittimo, da quelle parti c'è corrente; spinge poco e copre poco. Da rivedere.

Memushaj 6: uno dei pochi che si salva in questo Lecce; gioca con ottima visione di gioco e tiene il pallino del centrocampo.

Giacomazzi 5,5: può anche non giocare benissimo ma la sua assenza peserebbe come un macigno. Sa giocare meglio ma fa quanto basta per reggere una nave che stava affondando.

De Rose 6: uno degli elementi migliori del Lecce, un cagnaccio rabbioso che ha un rendimento sempre costante. Mediano di sicuro affidamento.

Pià 5-: solita partita scialba la sua; non mostra segni di miglioramenti, prova ad essere ficcante con qualche bella azione ma si è perso per strada il grande Pià di Napoli.

Falco 5,5: parte benissimo, con la solita voglia e disponibilità verso i compagni che lo hanno sempre contraddistinto; poi col passare dei minuti si è spento.

Foti 5: ancora un voto al di sotto della sufficienza per il bomber che non riesce più a far gol; vivrà tempi migliori.

Jeda 5: non scuote la partita e non incide sulle folate giallorosse; come Pià, anonimo.

Chevanton 7: voto di stima e di merito; lui la partita la scuote e pizzica la difesa avversaria 3-4 volte sul finale. A queste condizioni molto meglio Cheva che gli altri compagni di reparto.

Lerda 4: ci sarà poco da commentare; il suo Lecce questa volta ha perso di merito. Segno evidente che questa squadra sta continuando a pagare ancora un po’ di spocchia. Bisogna lavorare sulle menti e dare più spazio ad un ottimo Chevanton.


Fonte: Salentosport.net 
Altri articoli di "Calcio"
Calcio
19/09/2019
Il brasiliano ha ricevuto il premio come autore del primo ...
Calcio
18/09/2019
È Vanni Simone il nuovo trainer della Deghi Calcio. Il 37enne tecnico di ...
Calcio
17/09/2019
Il tecnico giallorosso si gode i primi tre punti stagionali e ammette: "Accetto la ...
Calcio
16/09/2019
Primi tre punti alla terza giornata per il Lecce, che ...
 Stress ambientali, malattie infiammatorie da alimenti, consumo eccessivo di zuccheri raffinati, alimenti ...
clicca qui